Quattro modi per definire e raggiungere il tuo target sui social media

13 March 2020
Obiettivo target social

Secondo le ultime stime fornite da Socialbakers, nel corso del 2020 saranno circa 3 miliardi di persone a essere presenti e attive sui social network. 

In un panorama sempre più complesso e affollato di utenti online, l’obiettivo di business della tua azienda deve diventare sempre più mirato e preciso, per circoscrivere il raggio di comunicazione solamente a quelle persone veramente interessate al settore in cui il tuo brand opera e creare dei contatti (lead) utili che possano convertire all’acquisto e generare, dunque, ROI. 

Brand-lead-ROI

È infatti impensabile pensare di rivolgerti a chiunque: ogni persona ha un vissuto e degli interessi (personali e lavorativi) differenti dall’altra; ad esempio, rivolgersi a un ragazzo di 18 anni che risiede nel Sud Italia è diverso dal comunicare i propri servizi ad un manager di 55 anni che abita a Milano. 
Diventa quindi sempre più indispensabile studiare chi sono i potenziali clienti e valutare attentamente a quali prodotti o servizi che produci potrebbero essere interessati. 

Da dove partire per attuare una corretta strategia di comunicazione sui social ed assicurarti di rivolgerti al target “perfetto”? Scopriamolo insieme.

1. CONOSCI IL TUO TARGET 

Target-social

Il primo passo per definire il target di riferimento sui social media è stabilire, in generale, chi è il tuo cliente ideale. Restringi il campo ponendoti le seguenti domande:

- Il mio prodotto/servizio è rivolto alle donne o agli uomini? 
- Qual è l’età di riferimento del mio target?
- Qual è la sua professione (studente, lavoratore) e qual è stato il suo percorso fino ad ora? 
- Quale rapporto intrattiene con la tecnologia e quali abitudini ha online? I tuoi potenziali clienti navigano e acquistano da smartphone oppure si informano offline prima di acquistare? 
- Perché il tuo potenziale cliente dovrebbe rivolgersi a te e non alla concorrenza? Che cosa ti distingue dai tuoi competitor?
- Quali sono gli interessi del tuo potenziale cliente? 

In questa fase, potrebbe essere utile rivolgerti al reparto commerciale della tua azienda: eventuali manager o agenti che si dedicano alla vendita e sono attivi sul campo, possono aiutarti a fornire input utili sulla clientela.
Una volta che avrai risposto a queste prime domande, sarai già a buon punto e ti si materializzerà la tua buyer persona: per approfondire ulteriormente questo step, ti suggeriamo di leggere il nostro articolo a riguardo.

2. ASCOLTA LA RETE

Digital-journey-social

Magari hai già iniziato a comunicare al tuo target tramite i social media. Oppure stai valutando questa possibilità, perché hai appena dato vita ad un’azienda e vuoi gettare le basi per una corretta comunicazione sui principali canali. Dovunque ti trovi in questo digital journey, la cosa importante è leggere, ascoltare, riflettere.

Ascoltare ciò che le persone dicono sui social media ti aiuta a conoscere i loro bisogni, frustrazioni, paure, obiettivi e desideri, dandoti una mano a capire anche cosa le coinvolge e cosa stanno cercando. Ma non solo: leggi le recensioni che vengono scritte su di te, analizza a fondo ogni feedback per capire cosa migliorare e cosa poter proporre di nuovo ai tuoi clienti.
Parlare con le persone e intrattenere dei rapporti non solo offline, ma anche online, ti aiuta ad ottenere degli input per la tua strategia. 

In questa fase, può essere importante fare delle interviste alle persone, indagare ulteriormente su un determinato tema tramite focus group o inoltrare dei questionari (via newsletter o anche sotto forma di post sui social) per approfondire.

3. PUBBLICA CONTENUTI DI VALORE 

Pubblicare-contenuti-valore

Una volta recepiti gli interessi e i trigger content che interessano alla tua audience, è indispensabile costruire una strategia a livello di piano editoriale focalizzata e mirata alla creazione di post ad alto valore qualitativo. Ci stiamo riferendo a contenuti di qualità estetica a livello fotografico, in italiano corretto e con dei copy che stimolino la curiosità, l’attenzione e la potenziale vitalità della loro diffusione da parte degli utenti alla loro cerchia di amici.
Inizia pubblicando diverse tipologie di foto (o perché no, anche video se ne hai a disposizione) abbinandole a diversi testi caratterizzati ciascuno dal tono di voce corretto e da una call to action che inviti, appunto, all’azione.

Misura gli andamenti grazie agli insight che forniscono le varie piattaforme e valuta ciò che organicamente funziona meglio per la tua audience. Poi passa all’ultimo step, ovvero il punto numero 4.

4. IMPOSTA LA CAMPAGNA DI ADVERTISING 

Campagne-ADV

Una volta considerati i primi tre step, la fase successiva è rappresentata dall’impostazione di una corretta campagna di advertising sui social che rispetti e segua pedissequamente le analisi che hai impostato in precedenza.
Affidati a un’agenzia di comunicazione specializzata che ti aiuti a tramutare il target che hai identificato in lead, contatti di valore sui social network.

Non lasciarti prendere dalla foga di voler comunicare tutto a tutti: il lavoro impostato precedentemente è indispensabile infatti per mirare alle persone corrette e a mantenere un budget pubblicitario di spesa contenuto in ogni obiettivo.

 

Autore
Alice Manza